Serie A2 2018/2019, ufficiali i gironi

17 luglio 2018

girone-sud-carta

 (Clicca sulla mappa per uno zoom sulle squadre del Girone Sud)

Il Settore Agonistico FIP ha reso ufficiale la composizione dei gironi della Serie A2 2018/2019. Come da tradizione divisione in due raggruppamenti, Girone Nord e Girone Sud. Anche se di Sud “vero” ce n’è ben poco, con tre formazioni isolane, una molisana e poi dodici formazioni da Roma in su: un dato che testimonia le difficoltà di fare sport di vertice al meridione, con nostro grande dispiacere. AndrosBasket ovviamente nel Girone Sud ci sarà, ancora una volta sarà l’unica rappresentante siciliana in Serie A2 e senza dubbio la formazione che macinerà più chilometri in assoluto. La società vuole inoltre accogliere nel nuovo girone le formazioni sarde di Selargius e Cus Cagliari, accomunate dal nostro stesso destino; e dà il benvenuto alle neo-promosse Nico Basket Femminile, Elite Basket Roma e Athena Basket Roma. Senza ulteriori indugi, ecco il Girone Sud 2018/2019:

Progresso Basket Femminile Bologna
CUS Cagliari
Magnolia Basket Campobasso
Feba Civitanova Marche
Scuola Basket Faenza
Basket Libertas Forlì
Cestistica Spezzina
Nico Basket Femminile
Cestistica Azzurra Orvieto
AndrosBasket Palermo
Athena Basket Roma
Elite Basket Roma
Polisportiva A. Galli San Giovanni Valdarno
Cestistica Savonese
G.S. San Salvatore Selargius
Pallacanestro Femminile Umbertide

Addetto Stampa AndrosBasket Palermo
Giuseppe Corrao

Il momento dei saluti in casa AndrosBasket

10 luglio 2018

androsbasket

Alle porte della stagione 2018/2019, AndrosBasket Palermo, nella persona del presidente Prof. Adolfo Allegra, dello staff dirigenziale e tecnico e di tutte le persone che seguono la società, conformemente allo stile societario sempre evidenziato nel corso delle stagioni, vuole formulare un più che cordiale in bocca al lupo alle giocatrici che l’anno prossimo non saranno con noi.
Come già reso noto dai comunicati stampa rilasciati delle loro nuove società, non faranno parte dell’avventura AndrosBasket la prossima stagione Ieva Prėskienytė, Alice Carrara e Arianna Landi. Ieva la rivedremo presto come avversaria, con la maglia di Faenza:  giocatrice intelligente, matura e più coinvolta di quanto spesso dicano le apparenze, sarà uno stimolo poter sfidare una ragazza così valida, nel reciproco rispetto umano e sportivo. Alice Carrara invece sarà in Serie A1, con Lucca: a lei auguriamo una grande crescita professionale e personale, con la carta d’identità che dice 1997 che è dalla sua parte. Arianna Landi giocherà con l’Akronos Moncalieri, al Nord: ad Arianna va un nostro in bocca al lupo specie nel superare tutte quelle piccole noie fisiche che hanno momentaneamente “disturbato” quelle che sono le sue indubbie qualità di grinta, dedizione e spirito di sacrificio e che siamo sicuri verranno fuori nella nuova avventura.
La società vuole infine salutare con un abbraccio molto sentito Elettra Ferretti. La scelta da parte nostra è stata più che sofferta, perchè tanti anni di ricordi e percorso insieme sono difficili da lasciare alle spalle. Per questo non vogliamo parlare di saluti, ma di un arrivederci, perchè in questi anni per Elettra Palermo è stata una seconda casa e siamo sicuri di rivederla qui presto. Portiamo dentro di noi ricordi importanti, la speranza è che quanto vissuto a Palermo sia stato egualmente intenso per la ragazza. A lei va il nostro più caloroso saluto e un grandissimo augurio per le esperienze che le vita le riserverà di qui in avanti: se le affronterà con la determinazione messa in campo in ogni partita, non potrà fare a meno di uscirne sempre vincitrice.

Per Elettra abbiamo preparato un piccolo video tributo, cliccate sull’immagine per visualizzare

Immagine anteprima YouTube

Addetto Stampa AndrosBasket Palermo
Giuseppe Corrao

AndrosBasket puntella il settore lunghe con Adriana Cutrupi

4 luglio 2018

Adriana-Cutrupi

AndrosBasket aggiunge altra stazza sotto canestro, accordo con la pivot calabrese Adriana Cutrupi, la scorsa stagione alla Pallacanestro Femminile Umbertide.
Classe ’96, si tratta di una giocatrice ben nota per la categoria dato che è al terzo campionato di Serie A2: i primi due a Viterbo con un impiego sempre crescente, il terzo proprio con la formazione umbra per cui si è rivelata un solido cambio da 5.2 punti e 5.5 rimbalzi in 19’ di utilizzo medio, con buonissime percentuali dal campo (52% da due). Cresciuta nello storico vivaio reggino della Lumaka Reggio Calabria, Adriana lascia la sua Reggio Calabria molto presto: gioca ad Anagni nel 2013/2014 con buoni risultati anche tra le senior, poi il trasferimento a Battipaglia. Con le campane all’attivo anche due presenze in A1 nel 2014/2015 e soprattutto l’argento alle finali nazionali Under 20. In seguito, tanta A2 con una crescita costante in ognuna delle tre stagioni giocate.
La lunga reggina è la classica giocatrice d’area, forte fisicamente, presente a rimbalzo e vicino a canestro. Una delle cose che ha più colpito la società è la sua enorme voglia di lavorare e migliorarsi: quest’estate, nel frattempo, sta seguendo un fitto programma di allenamenti per trovarsi pronta per la stagione. Abbiamo sentito Adriana Cutrupi proprio al termine di una di queste sessioni: «Anche quest’ anno per fortuna ho avuto varie richieste da squadre di A2, e anche di una società di A1, ma una volta parlato con coach Coppa, che mi ha spiegato il progetto e quanto puntava su di me, ho deciso di accettare questa sfida, dopo aver sentito anche il parere per me fondamentale di mio padre, di Gaetano Gebbia, coach eccezionale  con cui ho il piacere di allenarmi tutte le estati, e Donato Avenia, padrino di mia sorella, ex-giocatore di serie A e nazionale». Per Adriana un contesto tutto nuovo: «So che dovrò lavorare tanto e mi dovrò meritare tutti i minuti che il coach mi darà in campo. Sicuramente il livello degli allenamenti sarà molto più alto e mi darà ulteriori possibilità di crescita, visti gli anni passati in cui l’obiettivo era la salvezza, mentre quest’anno cercherò di fare un salto di qualità anche grazie all’aiuto delle mie compagne e del coach». A Palermo si riavvicinerà alla Calabria dopo diverse esperienze nel centro-Italia: «Avvicinarsi a casa non è stata la priorità visto che negli anni tutte le società in cui mi sono trovata mi hanno fatto “sentire a casa”, partendo dai dirigenti fino al coach e allo staff, e visti i numerosi sacrifici della mia famiglia nel venire spesso a trovarmi». La scorsa stagione Adriana ha giocato due partite importanti contro Palermo, facendo la differenza dalla panchina (8 punti e 5 rimbalzi all’andata, 10 punti e 9 rimbalzi al ritorno). Probabilmente le migliori performance stagionali per lei, assieme alla doppia doppia contro Empoli e al 9+15 contro Civitanova: «Sono tanti anni che gioco contro Palermo e casualmente le mie migliori prestazioni sono sempre state contro l’AndrosBasket. Guardandole dall’esterno, penso che durante tutto il campionato abbiano sempre dimostrato di non mollare mai, come nella partita di ritorno in cui con Umbertide abbiamo perso al supplementare nonostante gli ottimi 40’ di gioco».
Alle battute conclusive, con la testa già ai prossimi allenamenti, Adriana conclude con un pensiero particolare per delle persone speciali: «Vorrei ringraziare Lucio Laganà e Katia Romeo, che fin da piccola mi hanno fatto apprezzare questo bellissimo sport. Ma soprattutto mio padre che mi è sempre accanto. Un saluto particolare a tutti i tifosi AndrosBasket…a presto!».

Addetto Stampa AndrosBasket Palermo
Giuseppe Corrao

Linea verde per AndrosBasket, arriva Paola Novati

2 luglio 2018

Paola-Novati

AndrosBasket inserisce un elemento prezioso nel settore lunghe, arriva l’ala-pivot Paola Novati, classe ’98, la scorsa stagione al Sanga Milano e attualmente in raduno con la nazionale Under 20.
La giocatrice comense, oltre alla pallacanestro tra senior, ha un grandissimo potenziale e si è particolarmente distinta negli anni a livello giovanile. Per lei all’attivo due bronzi nazionali nelle categorie Under 15 e Under 17 con Biassono, formazione con cui esordisce in Serie A2 nella stagione 2014/2015 facendo registrare 3 punti di media in 24 presenze. Nelle stagioni successive gioca a Costa Masnaga e col Sanga, portando avanti parallelamente l’esperienza senior a eccellenti risultati giovanili: per tre volte arriva al quarto posto e nel 2016/2017 viene anche nominata nel miglior quintetto alle Finali Nazionali. I risultati raggiunti la portano nel giro della nazionale con cui arriva anche la prima esperienza importante in Europa: nel 2016 gioca i campionati Europei Under 18 a Sopron ottenendo il settimo posto con la selezione azzurra. Nell’ultima stagione di A2 gioca al Sanga Milano realizzando 4.8 punti con 3.6 rimbalzi di media: al termine del campionato raggiunge il ritiro della nazionale Under 20, in cui si gioca un posto per i prossimi Europei che si svolgeranno sempre a Sopron.
Il suo profilo tecnico parla di una giocatrice versatile, 1.84 di fisicità e intensità, lunga che può giocare i due ruoli, con una discreta mano su cui lavorare e anche range di tiro da tre punti. Abbiamo raggiunto la nuova arrivata al ritiro azzurro, per chiederle qualcosa sulla nuova esperienza. Ecco le prime parole in maglia AndrosBasket di Paola: «La scelta di venire a Palermo è stata principalmente dettata dal fatto che avevo e ho tuttora voglia di mettermi in gioco e volevo trovare una squadra che mi facesse crescere tanto dal punto di vista personale. – esordisce – Tra le varie offerte mi sembrava la più adatta soprattutto per l’allenatore perché ha molta esperienza, poi per la squadra, sia per l’ottimo risultato ottenuto quest’anno sia per il tipo di squadra che sarà l’anno prossimo e per gli obiettivi fissati. Io ovviamente dalla mia parte spero di poter essere d’aiuto a questa squadra dando il mio contributo». Novati protagonista anche di una scelta non banale, quello spostamento da nord a sud che a livello di A2 ormai è quasi un’eccezione: «Sarà la mia prima esperienza fuori casa e sicuramente è un cambiamento molto importante. So che ci saranno molti aspetti nuovi da affrontare ma ho voglia di mettermi in gioco da tutti i punti di vista. Poi penso anche che la scelta non debba essere fatta dalla posizione geografica ma deve essere fatta cercando di scegliere la soluzione migliore per cercare di realizzare le proprie aspettative ed è per questo motivo che ho scelto di venire a Palermo». Chiaramente, da classe ’98, sa bene di dover lavorare moltissimo: «So di dover crescere ancora molto. Vorrei provare ad acquisire anche una dimensione di gioco più esterna, migliorare al tiro e sicuramente lavorare tanto sulla difesa. – parlando di sé, per poi passare al team – Come squadra date le conferme dall’anno scorso come Verona, Russo e Miccio e i nuovi acquisti come Manzotti, Cupido e Vandenberg le aspettative non possono essere basse. Spero che possa essere un campionato più che positivo e nel quale riusciremo a raggiungere tutti gli obiettivi proposti. Mando un saluto a tutti i tifosi AndrosBasket e…non vedo l’ora di iniziare!».

Addetto Stampa AndrosBasket Palermo
Giuseppe Corrao

 

Dall’Australia la nuova straniera di AndrosBasket: ecco Jacinta Vandenberg

25 giugno 2018

Jacinta-Vandenberg

Nuova straniera per AndrosBasket: dall’Australia arriva la lunga Jacinta Vandenberg, giocatrice nativa di Melbourne in possesso del passaporto olandese.
Un colpo con cui la società palermitana punta a rinforzarsi sostanzialmente sotto canestro, forte di una stazza di 1.96 che rende Vandenberg la giocatrice più alta attualmente nella categoria. Ancora una volta una matricola per il nostro campionato, nel segno della strategia di AndrosBasket che dall’arrivo in A2 ha sempre svolto un lavoro di attenta osservazione sui campionato esteri, portando ogni stagione nuovi talenti stranieri in Italia. La storia di Vandenberg è quella di una giramondo di grande valore, che solo per una serie di casualità recentemente è un po’ “uscita dai radar”: cresciuta in Australia, dopo le prime esperienze con i Dandenong Rangers sbarca negli USA all’università di Fresno State. Due anni coi “Bulldogs”, poi il trasferimento alla prestigiosa università di Oregon: dopo un anno di redshirt (in NCAA la regola impone lo stop di una stagione dopo aver cambiato college), per lei due stagioni coi “Ducks” nella competitiva Pac-12 Conference. Nella prima è nel quintetto base di una squadra che arriva alle Final Four al prestigioso torneo NIT (6.2 punti, 5.5 rimbalzi), nella seconda è parte della rotazione di una favolosa Oregon, che si ferma a una partita dalle Final Four NCAA, sconfitta dalla corazzata Connecticut. Terminato il college, Vandenberg firma con Wasserburg, squadra tedesca di Eurocup: al termine della prestagione, in ottobre, torna in Australia per motivi personali, riprendendo a giocare in aprile coi Nunawading Spectres.
Con gli Spectres, Jacinta sta disputando una buona stagione: stabilmente in quintetto nonostante il lungo stop, per ora contribuisce alla causa con 6.5 punti e 6.6 rimbalzi in poco più di 20′ d’impiego per la seconda forza del campionato. Il torneo terminerà coi Playoff a fine luglio, AndrosBasket le farà terminare la stagione australiana, con lungimiranza le concederà un po’ di riposo e accoglierà la giocatrice nei primi giorni di settembre.
Al di là di numeri e curriculum, l’aspetto tecnico è fondamentale. Jacinta non è solo stazza, ma è un profilo molto interessante anche per caratteristiche: dai filmati l’impressione è di vedere una giocatrice dal grande QI cestistico, altruista, buona passatrice, discreta tecnica di base (mano destra e sinistra, un solido jumper dai 4-5 metri). Anche se la stazza non gioca a favore della mobilità, l’esperienza negli USA ha favorito il lavoro sulla sua condizione e la lunga corre discretamente il campo, con buona resistenza fisica. Negli anni al college, ha conseguito un diploma in Criminologia e un master in Risoluzione di dispute e conflitti. La nuova arrivata ha dichiarato in proposito: «Quello del college è stato un periodo splendido, mi aiutato a crescere e maturare. Sono stata fortunata nel disputare le “Elite 8” nel mio anno da senior, un’esperienza indimenticabile. Durante l’esperienza – spiega – ho potuto migliorarmi su forza e atletismo, sulla mia leadership e sulla comprensione del gioco e applicarla in campo». Dopo il college, training camp in Germania e uno stop di qualche mese da cui recuperare: «All’inizio ho avuto qualche problema fisico e ritornare al ritmo partita è stato un processo più lungo di quanto volessi. Ora sento finalmente di esserci arrivata, di poter giocare come serve alla mia squadra. La prossima sarà la mia prima vera esperienza in Europa, sono incredibilmente carica, mi aspetto una competizione divertente e allo stesso tempo una sfida. Mi piacerebbe anche vincere il campionato e ottenere la promozione!».
Parole importanti per una giocatrice che si lancia in un’avventura nuova: «Non so molto di Palermo, so che si mangia bene e che è bellissima, ho cercato qualcosa su Internet e mi sembra fantastica! So anche che la squadra è molto buona, – ha detto, passando al basket – sono molto contenta di arrivare a Palermo e scendere in campo con un gruppo di ragazze così talentuoso. Non vedo l’ora di conoscere la comunità e i suoi splendidi tifosi».

Addetto Stampa AndrosBasket Palermo
Giuseppe Corrao

Costanza Verona in A1 al Geas Sesto San Giovanni

24 giugno 2018

cverona italia

Come già comunicato dalla società Geas Sesto San Giovanni, AndrosBasket Palermo rende noto che la prossima stagione la sua cestista Costanza Verona giocherà con la squadra lombarda.
Per Costanza (play, classe ’99) un’altra annata nella massima serie quindi, dopo le esperienze a Battipaglia e Torino. Nella stagione 2017/2018, con la squadra del capoluogo piemontese, ha disputato 23 partite a 3.7 punti di media e 1.9 rimbalzi: contestualmente, ha giocato il campionato Under 20 con Moncalieri finendo il suo percorso soltanto alle Final Eight di categoria. Terminata la stagione a Torino, Costanza è stata anche una preziosa risorsa per la sua squadra d’origine, tornando a Palermo e, pur impossibilitata a prendere parte all’attività in campionato per le regole di tesseramento, sostenendo diversi allenamenti col gruppo dell’A2.
Dopo l’estate che riserverà diversi impegni con la nazionale azzurra, “Cocca” raggiungerà Sesto San Giovanni per una nuova avventura: la società augura al Geas un buon ritorno in A1, rallegrandosi per l’intesa raggiunta. A Costanza, come sempre, va il nostro in bocca al lupo per il suo processo di crescita e per le nuove sfide che presenterà la prossima stagione sportiva.

Addetto Stampa AndrosBasket Palermo
Giuseppe Corrao

Grande ritorno in casa AndrosBasket, ecco Giulia Manzotti

20 giugno 2018

GiuliaManzotti

Grande ritorno in casa AndrosBasket, Giulia Manzotti di nuovo a Palermo, dopo due stagioni giocate con la maglia della blasonata Cestistica Azzurra Orvieto.
La società del presidente Allegra riabbraccia una giocatrice tra le protagoniste della scalata sino alla Serie A2. L’esterna ostiense, classe 1993, dopo le esperienze a Pomezia, Roma, Bergamo, Viterbo e La Spezia ha disputato due campionati nel capoluogo siciliano, la Serie A3 nella stagione 2014/2015 (10.9 punti e 5.2 rimbalzi di media) e l’A2 in quella 2015/2016 (9.4 punti e 3.8 rimbalzi), ottenendo una promozione, una semifinale di Coppa Italia di A3 e una partecipazione ai Playoff col gruppo siciliano. Un’esperienza intensa, interrotta nel 2016 col passaggio a Orvieto: nella prima stagione campionato da 10.4 punti di media con la soddisfazione della qualificazione alla Coppa Italia di A2. Poi un grave infortunio, una lunghissima fase di recupero e finalmente il ritorno in campo, nel marzo di quest’anno: è lei a dare una spinta in più alla compagine umbra, riportandola stabilmente in zona Playoff grazie al rendimento nelle ultime 10 partite della stagione. 11.3 punti, 5.2 rimbalzi e 42% da tre, un dato notevole dopo undici mesi di assenza dai campi.
Manzotti è una giocatrice “3-and-D”: pericolosissima da dietro l’arco, versatile e volenterosa in difesa. Ma non solo, sa creare dal palleggio e giocare più ruoli, dando un ampio ventaglio di soluzioni tattiche. Torna a Palermo una ragazza sicuramente motivata, che nella sua esperienza in Sicilia si è fatta apprezzare e stimare da tutti non solo dal punto di vista tecnico ma anche umano. Dalle parole di Giulia traspare tutta  la passione per questo sport, specie quando si parla di quel maledetto infortunio che l’ha tenuta per undici mesi lontana dal campionato: «Quel momento difficile ormai è superato, ma non è stato per niente facile e ho dovuto ricorrere a tutta la mia determinazione. Sono rientrata con tanta voglia, sono consapevole che dovrò ancora lavorare molto ma sono davvero contenta di poterlo fare. – ha detto, parlando poi del ritorno a Palermo – La squadra che ho lasciato due stagioni fa era una realtà in crescita, che aveva bisogno di stimoli e traguardi nuovi, che ha cambiato guide tecniche anche durante l’anno ma che aveva voglia di fare bene. Mi aspetto di trovare un ambiente abbastanza nuovo, un pubblico presente e attivo sugli spalti, una formazione affiatata e di certo un allenatore che di cose da insegnare ne ha un bel po’». Tante motivazioni, per migliorare quanto fatto per la città siciliana: «La mia voglia di tornare è spinta dal fatto che l’ultimo anno che sono stata a Palermo secondo me non è andato benissimo, ho voglia di aiutare a dare un’impronta positiva a questa terra e a questa squadra alla quale sono alquanto affezionata, in più personalmente ho un annetto e passa di “gioie” da recuperare». L’ultima parola, anche per lei, sulla nuova Serie A2, una competizione avvincente ed equilibrata: «Credo che sarà un campionato tosto, con tante buone avversarie. Proveremo a fare il meglio possibile».

Addetto Stampa AndrosBasket Palermo
Giuseppe Corrao